Come scegliere le lenti a contatto progressive
4 dicembre 2018  //  Benessere vista  //  Nessun Commento   //   41 Views

Cosa fare in caso di campi visivi difettosi

Gli occhi hanno il pregio di avere un campo visivo ampio, ma questo vuol dire che a volte i problemi alla vista possono andare a interessare una porzione vasta dell’organo oculare. Soprattutto dopo i quarant’anni, infatti, chi soffre da sempre di ipermetropia, astigmatismo o miopia inizia anche a soffrire di problemi che interessano la visione di oggetti ravvicinati.

L’insorgenza della presbiopia – in concomitanza con gli altri disturbi visivi – rende necessario rivolgersi ad un professionista che sia in grado di suggerire l’adeguata correzione grazie ad appositi occhiali o dando consigli su come scegliere le lenti a contatto progressive.

Con l’aiuto dell’esperto

Le lenti progressive, dette anche multifocali, consentono a chi le indossa di mettere a fuoco più distanze contemporaneamente. Questo supporto è l’ideale per quanti hanno molteplici disturbi della vista e desiderano riacquistare una visione ottimale senza ricorrere agli occhiali, spesso antiestetici o scomodi soprattutto per chi ha vissuto una vita intera senza di essi.

È lo specialista in contattologia a dare indicazioni su come scegliere le lenti a contatto progressive migliori per le esigenze di ciascun paziente. Spesso, infatti, il fatto che il loro effetto dipenda anche dal diametro della pupilla rende difficile trovare la tipologia più idonea ad un determinato occhio e si richiede che vengano effettuati numerosi test.

I modelli a disposizione

Le progressive possono essere di diversi tipi, modelli e materiali, frutto dell’impiego di tecnologie sempre più all’avanguardia. Per prima cosa bisogna scegliere se si preferisce ricorrere a quelle con una consistenza morbida – generalmente in idrogel o idrogel al silicone – o se puntare su modelli semirigidi.

In secondo luogo occorre stabilire se prediligere l’uso di quelle giornaliere (usa e getta), quindicinali oppure mensili. In questo caso va ricordato che maggiore è il periodo previsto per la loro durata tanto più sarà superiore la precisione che verrà loro conferita in termini di gradazione.

Dopo aver scoperto come scegliere le lenti a contatto progressive per le proprie esigenze bisogna ricordare che, qualora si decida di optare per modelli non usa e getta, bisogna prestare una cura particolare alla loro pulizia per mantenerne l’adeguato livello di igiene.

Leave a reply