Diabete e problemi agli occhi
5 febbraio 2015  //  BENESSERE, Benessere vista  //  Nessun Commento   //   681 Views

closeup-blue-eye
Il diabete affligge il 6,5% della popolazione italiana, una patologia derivata dall’impossibilità dell’organismo di utilizzare in maniera corretta gli zuccheri che assumiamo. Si tratta di una malattia che influisce su diversi aspetti della vita di un individuo, in particolare sull’alimentazione (il 4,3 percento della popolazione non riesce a “tenere a bada” gli zuccheri assunti quotidianamente, aumentando il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2).

Tra i problemi principali causati dalla malattia esiste la retinopatia diabetica di cui è affetto il 30% dei diabetici (in particolare di età superiore ai 40 anni) ed è in grado di danneggiare i vasi sanguigni (ostruzione e deterioramento), in particolare i capillari della retina. La retinopatia diabetica può portare alla perdita parziale (nei casi gravi, anche totale) della vista.

La retinopatia, come il diabete più in generale, è molto diffusa nella popolazione dei paesi industrializzati, ed è in continuo aumento. Una volta manifesta la patologia, è importante parlare con il medico che prescriverà medicinali utili al rafforzamento delle pareti dei capillari… ma ci sembra sempre utile ribadire che prevenire è meglio che curare, giusto?

Ancora una volta la corretta alimentazione può aiutarci, sia per il diabete ma anche e soprattutto per ridurre la possibilità di sviluppare la retinopatia  per quelli che sono già diabetici. Il consiglio è quello di una dieta ricca di:

  • fibre
  • carboidrati
  • antiossidanti

Allora è importante fare consumo di cereali integrali, escludere la frutta con eccessivi livelli di fruttosio, limitare patate e legumi freschi, tutti alimenti ad alto carico glicemico. Sono consigliati i legumi secchi (lenticchie, ceci, soia, fagioli) e le carote.

Se questo tipo di alimentazione è la più consigliate per un occhio sano, siamo costretti a dover ridurre notevolmente la quantità di:

  • grassi
  • proteine

 

Il modo migliore per applicarsi in questo tipo di dieta? La soluzione balza subito all’occhio: si tratta di un tipo di alimentazione vegetariana, il che non significa smettere di cibarsi di carne, ma essere orientati ad un’alimentazione più ricca di vegetali.